M
"

Menù

Ultimi Articoli

Scanner facciale: controllo accessi per la Sicurezza Aziendale

Sindacati e imprese hanno raggiunto un accordo con il Governo sul protocollo da seguire per garantire la salute e la sicurezza dei lavoratori. Significa che per le aziende è obbligatorio mettere in pratica una serie di provvedimenti per controllare...

Sistema Antintrusione a Bagnolo in Piano

Sitip Security si è occupata della progettazione e installazione di un impianto antintrusione collegato ad un sistema di videosorveglianza con telecamere MOBOTIX ® per Elettroteck Kabel, a Bagnolo in Piano, provincia di Reggio Emilia. Grazie a un...

Ospedale di Suzzara (MN)

Ospedale di Suzzara         L'ospedale del comune di Suzzara ci ha contattati per verificare le condizioni degli impianti di sicurezza dello stabile. Dopo alcuni accertamenti eseguiti dal nostro personale addetto, abbiamo...

Categorie

Palazzo Bentivoglio

Palazzo Bentivoglio – Comune di Gualtieri

2 Gen, 2019 | News

Palazzo Bentivoglio – Comune di Gualtieri

 

 

Palazzo Bentivoglio

 

Il Palazzo Bentivoglio, eretto tra il 1594 e il 1600, è situato nella piazza principale del comune di Gualtieri (RE).
Quando si tratta di interventi su palazzi storici per noi è sempre una grande sfida, l’obiettivo è ovviamente cercare di proteggere il più possibile l’alto valore della struttura, in questo caso il lavoro è stato reso ancora più difficile dagli affreschi presenti sulle pareti.
Per questo edificio storico abbiamo studiato e realizzato il sistema elettronico di rilevazione dei principi di incendio e l’impianto anti-intrusione.
All’interno del Palazzo, che attualmente ospita una mostra del pittore Antonio Ligabue, sono visitabili permanentemente il Museo Documentario, il Centro Studi Antonio Ligabue e la Donazione Umberto Tirelli. Altri punti di interesse sono: la Sala di Icaro, la Cappella, la Sala di Enea e la Sala dei Falegnami.
LA CURIOSITA’: Quello che vediamo ora è solo un terzo del palazzo originario. In origine l’edificio era costituito da quattro facciate in cotto lunghe 90 metri, uguali a quelle visibili oggi. Negli angoli della pianta quadrangolare si innalzavano quattro torri; si pensava che il palazzo potesse essere circondato da un fossato, ma la pavimentazione originaria della piazza, formata da mattoni posti di costa a spina di pesce e visibile in uno scavo nel giardino antistante il palazzo, smentisce questa ipotesi. Una stima del 1726 testimonia che il palazzo all’epoca era ancora integro; i mattoni dei tre lati oggi mancanti furono utilizzati per rinforzare e alzare gli argini del Po, durante la piena del 1751. La distruzione dei tre quarti del palazzo ha compromesso la stabilità del delizioso Teatro settecentesco di stile barocco (opera di G. B. Fattori, 1742-1790). È presente nell’ala superstite la struttura in ghisa che ha sostituito nell’Ottocento, dopo un incendio, quella originaria in legno.